domenica 21 febbraio 2016

A te auguro un amico sincero.

Un abbraccio per ogni dispiacere. Un sorriso per ogni lacrima. Il sollievo ad ogni dolore. Un sogno per ogni delusione e momenti di consolazione. Di sapere combattere con dignità. Di non arrenderti alla prima avversità. Di trovare nel buio della vita una luce accesa. Di saper ascoltare oltre al “sentire” Di saper guardare oltre al “vedere” Di trovare nella disperazione la forza di continuare. Stringendo i denti voltando pagina, il coraggio di volare. Ti auguro di saper cogliere le piccole cose di saperle vivere di farlo intensamente.
 S. Stremiz

venerdì 19 febbraio 2016

DEDICATO AD OGNI SINGOLA DONNA....

Sei bellissima. Non hai bisogno che ci sia un uomo lì a ricordartelo. Sei bellissima, da sola forse ancor di più. Sei bellissima anche se non hai un uomo che ti tolga il rossetto dalle labbra, anche se sei spettinata o struccata. Anche se vai di fretta e hai scordato qualcosa a casa. Sei bellissima quando scendi di casa per andare a prenderti un gelato. Sei bellissima in pigiama e con i capelli scombinati, sei bellissima con gli occhi assonnati. Sei bellissima quando hai fiumi di parole da cacciare e quando vuoi stare in silenzio. Sei bellissima quando ti emozioni per una frase, letta su un libro o su un muro. Sei bellissima il sabato sera quando ti prepari, ti trucchi, indossi il vestito più bello che hai, spruzzi il tuo profumo preferito e poi esci anche se non hai nessuno ad aspettarti fuori dal portone, anche se non c'è nessuno a dirti che sei bellissima. Lo fai per star bene con te stessa. Ed è questa l'unica cosa che conta. Tu esci che poi farai innamorare il mondo. Sei bellissima quando passeggi, da sola, con le cuffie nelle orecchie. E pensi. Immagini. Sogni. Ti proietti altrove. E si rispecchia tutto nei tuoi occhi. Sei bellissima e non lo sai. Sei bellissima e qualcuno in quel momento si sta innamorando di te. Sei bellissima perchè sei una grande persona, perchè ami così tanto che quasi ti autodistruggi, perchè ti fai in quattro per tutti anche se poi indietro non torna niente..perchè, per te, l'importante è dare. Sei bellissima perché ci credi sempre, anche quando non dovresti, e te lo si legge negli occhi.

Cit.

Quando una persona è bella se ne accorgono tutti...

ma quando è bella dentro, se ne accorgono solo quelli che riescono a vedere oltre le apparenze. ___cit.

Buongiorno a chi si sveglia con un "pensiero" fisso e lo vorrebbe abbracciare.

A chi ha capito che i sogni più belli si fanno da svegli. A chi, anche oggi, ce la metterà tutta e se va male, pazienza, si sorride lo stesso! Buongiorno a chi, anche oggi, è disposto a imparare ma non a farsi insegnare. Buongiorno a chi s'aspetta molto e rimarrà deluso. A chi non s'aspetta niente e sarà sorpreso. Buongiorno alla vita che non è mai uguale, finché conservi nel cuore la voglia di amare.

Antonio Curnetta

Buongiorno a tutte le persone che, per il solo fatto di esistere e di starci vicine, contribuiscono a rendere migliore la nostra vita.

A chi ci ama, a chi ci è amico. A chi semplicemente ci ascolta, ci regala un gesto di gentilezza o un sorriso. A chi ha deciso che oggi sarà comunque una bella giornata e farà di tutto affinché lo sia. Buongiorno alle persone che scelgono di cambiare il mondo ed iniziano cambiando se stesse. Ed in ogni momento scelgono ed agiscono. Perché i pensieri diventano parole e le parole diventano azioni. A chi pur avendo molti difetti, è autentico e sincero e vi dice sempre in faccia quel che pensa. Buongiorno a tutti, ma proprio a tutti. Con un sorriso.
 (A. Degas)


giovedì 18 febbraio 2016

Buongiorno a chi ci mette il cuore. A chi fa le cose per il piacere di farle…..


A chi fa una cosa con il sorriso, perché ci crede, perché è quello che vuole. A chi non usa sempre e solo la testa, ma si lascia guidare dalle emozioni, che non c’è niente di più bello al mondo. A chi, anche se sbaglia, non riesce a pentirsi. A chi il pentimento non sa cos’è. A chi, poi, dovrà fare i conti con una ferita. A chi si dovrà rialzare in piedi, magari da solo, magari con qualcuno accanto. A chi si appoggerà al braccio di un amico, di un amore, di un padre. A chi quel braccio non lo lascerà. A chi, invece, si appoggerà solo sulle sue gambe e al massimo su un bastone. Buongiorno a chi ha il cuore che ancora batte. A chi riesce a emozionarsi davanti un film, leggendo un libro, ascoltando una canzone. A chi fa sue quelle parole. A chi le custodisce come fossero il segreto più bello del mondo. A chi riesce a godersi le piccole gioie della vita. Un fiore in un parco, una foglia che cade da un albero, un miagolio di un gatto, gli occhi di un cane. A chi non va alla ricerca del mondo intero e sta bene anche così come sta. Che ha tutto quello che gli serve, fosse anche solo se stesso. A chi ha imparato che “meglio solo che male accompagnati”. A chi la brutta compagnia la mette da parte. E poi, buongiorno a chi pensa che “È difficile avere una convinzione precisa quando si parla delle ragioni del cuore”. (Rugiada)

mercoledì 17 febbraio 2016

Ho imparato che la calma è molto più destabilizzante della rabbia…


Che un sorriso disarma molto più di un volto corrugato, ho imparato che il silenzio di fronte ad un’offesa è un grido che fa tremare la terra. Ho imparato che come un amore rifiutato non si perde ma torna intatto a colui che voleva donarlo, così accade per la rabbia, le offese… Siamo noi a decidere se farci toccare o meno da un sentimento, di qualsiasi sentimento si tratti.

 Confucio

I simili non si cercano, i simili si trovano.


A. Pinketts

Dentro ogni donna c’è una forza. E’ la forza di farsi rispettare e valere. E di credere in se stessa.


La donna è fiera quando la sua dignità viene prima di tutto, perché lei sa che farsi rispettare significa credere nel proprio valore. La donna è fiera quando ama senza rinnegare se stessa, perché il vero amore non può nascere se ci si offre all'altro per farsi calpestare. La donna è fiera quando crede nelle proprie idee e ha il coraggio di esprimerle, perché è convinta di possedere delle risorse. La donna è fiera quando esprime il suo parere in pubblico senza pensare che sia irrilevante o poco intelligente. La donna è fiera quando non si presta a farsi colpevolizzare dagli altri per ogni cosa ma reagisce esponendo le proprie ragioni. La donna è fiera quando smette solo di dire "si si" a chiunque perché sa che dire anche di "no" significa dire "si" a se stesse. La donna è fiera quando non pensa di valere solo in base ai giudizi altrui ma soprattutto in base alle proprie valutazioni. La donna è fiera quando non punta tutto solo sull'aspetto esteriore ma riconosce che la forza che viene da dentro è un potente catalizzatore. La donna è fiera quando non è disposta ad assecondare troppo gli altri perché è consapevole che ciò che più conta è assecondare il proprio sentire interiore. La donna è fiera quando vive con la sua anima e sente la forza della sua unicità.

 S. Oberhammer

Nella vita ci sono cose che ti cerchi e altre che ti vengono a cercare.

Non le hai scelte e nemmeno le vorresti, ma arrivano e dopo non sei più uguale.

 Giorgio Faletti

Quanto freddo fa nel cuore,

quando si spegne il sole e non vi è più sentimento. Senti il vento che soffia via il calore e resti da solo a guardare la notte arrivare. Vorresti dormire per non morire, ma tanto dentro resta il tuo tormento. Con le parole non si conquista un cuore, lascia la tua anima libera di volare e lei t’insegnerà ad amare. Horion Enky

ANGELI CUSTODI


- introduzione: - gli angeli custodi sono coloro che ci guidano nel cammino della vita, ci proteggono e ci custodiscono, orientandoci nella giusta direzione; - occorrente: - bende per coprire gli occhi degli “accompagnati”; - svolgimento: - all’interno di ogni squadra ci sono un numero pari di “angeli custodi” e di “accompagnati” che devono percorrere un percorso a ostacoli, o da fare a slalom tra dei birilli (o bottiglie di plastica). L’angelo “guida” il proprio bambino affidatogli con la sola voce (se sono abbastanza grandi) o prendendolo per mano (se sono più piccoli), facendo attenzione a non far cadere i birilli. Appena terminato il percorso da una coppia, parte l’altra e così via… Vince la squadra i cui angeli custodi e relativi assistiti impiegano minor tempo nel fare i percorsi. CHIASSO FORTE - introduzione: - talvolta nelle nostre comunicazioni ci sono delle “interferenze” che ci impediscono di ascoltare il bene, il bello , il buono che c’è in noi… importante è allora prestare maggiore attenzione per “andare oltre” le apparenze e cogliere il “meglio” che sempre c’è! - occorrente: - strisce da sventolare; - svolgimento: - giocano due squadre: una sta nel mezzo a fare un “chiasso infernale”, a sventolare strisce nere per ostacolare che l’altra squadra (che si trova metà da una parte e l’altra metà dall’altra parte del campo) possa intendere le parole urlate a squarciagola da una parte all’altra del campo. Le parole sono inventate dagli animatori (meglio se in tema: es. “pace”, “amore”, amicizia, ecc..). Vince la squadra che riesce a indovinare il maggior numero di parole.

PRIMO GIORNO DI CHEMIOTERAPIA… (bellissima, da leggere)


Sono le 7 del mattino di un lunedì di un febbraio assolato e freddo. Salutate le mie figlie con un bacio, io e mio marito ci dirigiamo con l’auto verso l’Istituto dei tumori. Mi aspetta il primo giorno di chemio … Non riesco a concentrarmi su nulla. Nessun pensiero mi attraversa la mente, osservo il paesaggio e ho paura! Sono qui sul letto dell’ospedale ad attendere la nuova linfa di vita. Accettarla è difficile, ma faccio di tutto per accoglierla poiché mi salverà la vita…… forse. E’ quel forse che mi preoccupa e lo devo trasformare in “sicuramente”. Le infermiere intanto lavorano alacremente intorno a me, come api laboriose e trafiggono le vene delle mie compagne di …………viaggio. Io ascolto “i maschi” di Gianna Nannini e ho gli occhi lucidi……. Ripenso, chissà perché alla mia gioventù, e sento una lacrima che fa capolino… È febbraio, c’è il sole, ma è freddo! Dentro e fuori. Una signora accanto a me tracheotomizzata e con un bellissimo foulard di Hermes come copricapo, si prepara il letto…. è chic, truccata perfettamente e mi sorride. Nel frattempo mi hanno bucato la vena ed il viaggio per la vita è cominciato. Mi hanno scritto tanti amici, messaggi simpatici, affettuosi e di conforto…. da chi ci è già passato, da chi ne ha paura e da chi pensa, come me, che la vita è bella e che questa sofferenza mi aiuterà ad apprezzarla Il sole continua a penetrare attraverso la finestra con la veneziana abbassata………… Cerco di rilassarmi e mi impongo di lasciarmi andare e di accogliere tutto quello che mi entra nelle vena, per forza o no…. voglio farlo. Questa mattina la mia figlia maggiore ha accompagnato le sorelle a scuola……che amore di ragazza, che meraviglia di figlie, mi hanno salutata con un bacio, Dio come vorrei godermele ancora tanto……. Vedere i loro figli….. E piango, ma non devo, anzi non voglio farlo. Il treno è partito e dal finestrino il sole illumina il mio passato, lo vedo è li che passa velocemente…… tempo …….. tempo …… ci vuole tempo……….. datemi ancora tempo……. ho bisogno di tempo……. ne ho consumato troppo poco. Un marito è entrato a dare un po’ di conforto alla moglie ……o a sé stesso? Intanto ascolto un coro che canta il magnificat. Nel frattempo nelle mie vene scorre il mio amore per la vita, per la mia famiglia e per la primavera che ancora arriverà a colorare la vita, ecco insieme a tutto questo entra un liquido rosso che mi irrita un po’ e se devo essere sincera, mi fa paura. Mi toglierà molto di quella donna che sono, toglie la femminilità e tanto altro .. lo guardo e goccia dopo goccia si impone al mio corpo. Piango e scrivo, scrivo e piango, ma sono felice….. che paradosso! Oddio una signora cerca di parlarmi, è negativa! Vuole che qualcuno le dia coraggio, il mio coraggio? NO, mi spiace e mi scuso devo scrivere, le dico che devo lavorare………. E dopo qualche parola desiste perché mi sono infilata gli auricolari e non l’ho ascoltata… ho paura! Ho bisogno di energia tutta per me non posso darla a persone che la chiedono in continuazione. Lontana, lontana mi ripeto, chiudi e vivi. Intanto l’adriamicina scende scende, entra e un po’ la detesto, MI FA PAURA……… Calma è linfa vitale, mi darà la vita, mi infonde guarigione; le cellule impazzite saranno sgominate, distrutte dai guerrieri che entrano a migliaia dentro le mie vene. Nel frattempo è arrivata la mia dirimpettaia, una bella donna, sui 45 sorridente, è bella, con una fierezza indescrivibile nello sguardo, io alzo il volume dell’ IPOD sono in un’altra dimensione……………hanno alzato le veneziane guardo attraverso i vetri e mi accorgo che le forsizie sono fiorite quindi la primavera è alle porte! Quei fiori gialli mi danno gioia e il loro colore si spalma ovunque, sull’asfalto e sui palazzi ,TUTTO HA UN ALTRO ASPETTO il desiderio di farcela è tanto.. Io ce la farò!!! (web)